Tecar® è una terapia fisica naturale utile nelle patologie traumatologiche non chirurgiche, nelle patologie osteoarticolari e dei tessuti molli.

IMG_0262

Il fine è quello di attivare i processi antinfiammatori e riparativi naturali di cui il nostro corpo predispone. Ciò permette di ridurre considerevolmente la soglia del dolore nel soggetto, oltre ad accelerare i tempi di recupero della fase riabilitativa.

La Tecar terapia svolge tre azioni fondamentali:

  • azione analgesica, immediata ed efficace, che avviene agendo sulle terminazioni nervose
  • azione drenante dei tessuti
  • stimolazione funzionale del circolo periferico attraverso l’incremento della temperatura endogena.

L’efficacia della Tecarterapia si basa sulla possibilità di trasferire energia biocompatibile ai tessuti lesi; la stimolazione lavora a livello cellulare, riattivando la circolazione sanguigna e innalzando considerevolmente il livello di temperatura corporeo della zona trattata. I meccanismi fisiologici di recupero vengono così immediatamente innescati. Il flusso positivo di energia originato aiuta a riparare le lesioni o “pulisce” dai problemi legati alle infiammazioni o ai versamenti successivi ad un trauma .

Tecar garantisce tempi ridotti di trattamento e risultati immediati e stabili, perché è basata sulla stimolazione e il rafforzamento delle capacità riparative dei tessuti stessi.

Tutta la fase operativa del trattamento viene eseguita manualmente quasi come un massaggio che diventa più profondo e fortemente stimolante, grazie all’intensa riattivazione del microcircolo, linfatico e sanguigno.

Grazie alla flessibilità della Tecarterapia, è possibile ripetere più sedute nella stessa giornata o prolungare la stessa seduta nei casi in cui sia necessario ottenere risultati ancora più rapidi, come per esempio negli sportivi professionisti.

A chi è rivolta?

La Tecarterapia è in grado di trattare con efficacia e in tempi brevi le patologie di:

  • mano-polso
  • spalla-gomito
  • anca
  • ginocchio
  • piede-caviglia
  • colonna vertebrale

IMG_0271

É inoltre raccomandata nei seguenti casi:

  • patologie dolorose infiammatorie, osteoarticolari e muscolari (rizoartrosi, epicondilite e epitrocleite, Sindrome del tunnel carpale, Sindrome da conflitto sub-acromiale, fascite plantare, metatarsalgia)
  • cervicalgia, cervicobrachialgia, lombalgia e lombosciatalgia
  • in caso di lesioni traumatiche acute o postumi di fratture
  • nel postchirurgico protesico.
  • nella medicina estetica (cellulite).

Controindicazioni

Alcune precauzioni vanno prese nei soggetti portatori di pacemaker, nelle persone insensibili alla temperatura e nelle donne in gravidanza.